News e eventi

Verdecuratoda: un progetto che resiste alle stagioni

data: 
22 Aprile 2013

Realizzare la più grande scultura vegetale del mondo: è l’obiettivo di Verdecuratoda, progetto di Ettore Favini (Cremona, 1974), artista da tempo vicino alla Fondazione Ermanno Casoli
Favini ha ideato dei distributori – un po’ scultura, un po’ oggetto di design – dai quali, inserendo una moneta da un euro, si possono prelevare sfere contenenti semi di piante, cespugli e fiori; chiunque può così contribuire a creare un angolo di verde, dal proprio terrazzo di casa fino alle aiuole pubbliche. Un’idea all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità che Elica e la Fondazione Ermanno Casoli hanno incoraggiato fin dagli esordi: nel 2008 venne infatti installato nella sede fabrianese di Elica uno dei distributori-scultura contenente semi da piantare, ancora oggi presente all’interno della “piazzetta” dell’azienda. Da allora il progetto è cresciuto in maniera esponenziale. 

Verdecuratoda è stato recentemente oggetto di una mostra a cura di Marcello Smarrelli presso la Fondazione Pastificio Cerere, a Roma; sempre nella prima parte dell’anno è nata l’associazione “Verdecuratoda” con lo scopo di diffondere le buone pratiche promosse dal progetto. 
Da segnalare inoltre la realizzazione del sito www.verdecuratoda.com, nel quale si possono trovare tutte le informazioni per partecipare a questa “azione collettiva” e contribuire con una donazione. Un contributo valido per tutte le stagioni.