News e eventi

ItaliaCamp: quando è un barcamp ad aprire la mente

data: 
27 Giugno 2013

Se aprire la mente significa essere disponibili ad ascoltare punti di vista diversi dal proprio e incoraggiare il dialogo e il confronto per arricchire se stessi e gli altri, allora possiamo dire che l’Associazione ItaliaCamp nasce, esattamente 3 anni fa (era il 22 giugno 2010), dalla volontà di un gruppo di 20 under 35 di favorire l’ “apertura mentale” di altri centinaia e centinaia di giovani e giovani adulti.
Come? Importando il barcamp in Italia e sperimentandolo per la prima volta un sabato mattina del novembre 2009, presso l’Università LUISS di Roma. Il barcamp è quella metodologia americana – unconference – che permette ai partecipanti di esprimere la propria idea su una tematica comune in 5 minuti, per poi aprire un confronto con i presenti. Quel sabato di novembre hanno partecipato al barcamp – con nostro grande stupore – più di 1200 persone, tra studenti, ricercatori, imprenditori, finanziatori ed esponenti delle istituzioni e delle imprese del Paese, accumunati dal desiderio di confrontare pareri, opinioni e punti di vista differenti per generare idee. Da qui l’idea di costituire un’associazione – l’Associazione ItaliaCamp – volta a far emergere, nell’ottica di un innovativo processo di innovazione sociale e tramite il concorso “La tua idea per il Paese”, idee e progettualità di sviluppo dalla società civile, valorizzarle attraverso la partecipazione degli ideatori ai barcamp e, quindi, favorirne l’implementazione con il supporto di aziende e istituzioni partner. In 3 anni sono pervenute sul portale www.italiacamp.it – primo placement di idee in Italia – più di 2.300 progettualità, di cui 50 attualmente in via di sviluppo e oltre 15 già realizzate. Basti pensare all’Srl semplificata, norma di legge nata da “Srl per tutti”, un’idea presentata ad uno dei barcamp organizzati da ItaliaCamp da un italo americano, che da agosto 2012 ad oggi ha permesso la nascita di oltre 8.000 nuove attività imprenditoriali. Negli anni il payoff associativo “Invertire la tendenza”, rappresentato a 360° dai tanti e toccanti palindromi prodotti, ha attirato nel network ItaliaCamp quasi tutte le Università italiane – ad oggi sono più di 80 gli Atenei partner -, realtà Istituzionali e Aziende Paese. Un network che nasce nei territori per i territori: lo dimostrano i 20 camp regionali, che sostengono l’emersione di idee e progettualità innovative da parte degli attori del territorio, facilitandone il dialogo e l’incontro con le imprese e le istituzioni di riferimento. Inversione di tendenza, apertura mentale, cambiamento. Tre elementi di ItaliaCamp riscontrabili tanto nell’ultima iniziativa, l’Assemblea Generale 2013, che ha visto lo scorso 1 giugno la cittadina marchigiana di Ascoli Piceno invasa da oltre 800 soci e l’apertura istituzionale del Presidente del Senato Pietro Grasso, quanto dalle attività attualmente in corso. Tra queste, la 3° edizione del concorso “La tua idea per il Paese”, con lo scopo di individuare le migliore progettualità italiane che possano avere un forte impatto anche a livello internazionale. A novembre 2013 verrà organizzato, infatti, un road show negli Stati Uniti – UsaCamp – nel corso del quale ItaliaCamp presenterà le migliori idee di policy e dibusiness (startup) tra quelle che saranno caricate entro il 5 agosto sul portale www.italiacamp.it.” Open your mind and let your idea fly”, direbbero gli americani!

 

Gaia Marcorelli, laureata in Scienze Politiche alla LUISS Guido Carli nell’aprile 2005, con una tesi in semiotica, ha frequentato nel 2005 un master in marketing e comunicazione web e new media. Nel 2004 ha svolto uno stage come public relations co-assistant presso la TIA (Telecommunications Industry Association) a Washington D.C. . Dal 2006 al 2010 ha lavorato nell’ufficio marketing di diverse aziende: del settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni” del Gruppo Arnoldo Mondadori Editore (2006), del quotidiano “L’Indipendente” (2007-2008), del Gruppo NBC Universal Global Networks Italia Srl (2009) di Endemol SpA (2010). E’ stata, inoltre, responsabile Responsabile Ufficio Stampa delle edizioni 2009, 2010 e 2011 della simulazione delle nazioni unite RomeMUN. Dal 2010 ricopre il ruolo di Responsabile Media, Stampa e Relazioni Esterne dell’Associazione ItaliaCamp.