Maurice Padovani + TWIN

Interior designer

Le Prado
Posizionato nelle vicinanze delle spiagge di Prado a Marsiglia, questa piccola ex proprietà terriera fiancheggiata da una scuderia è stata rinnovata in tre fasi. Alla fine degli anni novanta, mentre veniva costruito il primo piano, alla famiglia proprietaria piacque il fatto che i due bambini dividessero la stessa stanza. Lo spazio è stato quindi totalmente liberato da qualsiasi divisorio e controsoffitto rivelando una ricca struttura architettonica. Dietro alla complessa composizione di travi e travicelli, appare la camera da letto dei genitori aperta al soggiorno e accessibile da una scala in metallo. Il muro principale è interamente aperto e la vecchia scala, in precedenza esterna, è stata integrata nel volume della casa grazie all’installazione di piattaforme in metallo galvanizzato che danno ritmo alla superficie.
Pochi anni dopo, la coppia acquisisce gli scantinati della casa e anche un edificio adiacente. Anche questa volta, i muri principali sono stati aperti in modo da facilitare l’illuminazione e nuove piattaforme in ferro, come a ripetere la prima installazione, si sostituiscono alla muratura. Le funzioni di cucinare, desinare e soggiorno possono quindi essere spostate al piano terra. E anche qui, per garantire la più completa libertà di accesso negli spazi, è stato rimosso ogni divisorio. Il grande muro che si erige tra la casa e l’edificio collegato è coperto con un rivestimento in legno a causa della ricorrente umidità che risulta impossibile da riassorbire. L’installazione di questo pannello leggermente a lato del muro crea una corrente d’aria che sopprime gli effetti dell’umidità. 
I due bambini sono diventati adolescenti e il primo piano è stato una volta ancora completamente ristrutturato. Lo spazio cucina, prima convertito in una piccola camera da letto, è ora dedicata a due nuovi bagni, il camino non c’è più ed è stata creata una nuova stanza sotto il mezzanino permettendo finalmente al ragazzo e alla ragazza il tanto desiderato comfort. La scala che porta al mezzanino, icona della casa, è stata spostata nella nuova stanza e fissata in una struttura nascosta nel muro.   
La cucina è composta da due blocchi paralleli completamente laccati in bianco. Entrambi sono distaccati dai muri circostanti rendendoli arredamenti indipendenti e non parti di un “sistema integrato”. Il blocco posteriore, più alto e lungo, è essenzialmente pensato per riporre utensili, posate, piatti. L’isola serve come spazio d’appoggio per il lavaggio dei piatti, la preparazione e la cottura dei cibi. Due lampade Diesel Rock di Foscarini e, sull’altro lato dell’isola, la cappa Twin di Elica completano l’arredamento. Sedie Leggera di Ricardo Blummer sono posizionate intorno al tavolo estendibile in quercia che è illuminato da una versione short di Twiggy, l’alternativa contemporanea ad Arco, il classico di Achille Castiglioni. 
Nel nuovo soggiorno troviamo un tavolino da caffè, un sofà Greg di Zanotta e due sedute RAR di Eames per Vitra che sono affiancate da un'altra icona di design degli anni ’50 in una prestigiosa versione in pelle e acciaio: AA di Airborne. Questo spazio, dando continuità alla cucina, può essere usato anche come sala da pranzo. La Zettel di Ingo Maurer illumina l’ambiente proprio per questa evenienza, insieme ad altre due lampade mobili a morsetto. 
 
BIOGRAFIA
 
Interior designer a Marsiglia dal 1985. I primi anni di attività sono stati quasi esclusivamente dedicati alla progettazioni di spazi di lavoro come negozi, hotel, ristoranti, uffici o studi medici. Sempre creazioni “totali” dal design dello spazio al design delle insegne, passando se necessario al disegno di arredamenti specifici adatti ad ogni attività, a ogni location, a ogni cliente. Da qualche anno il suo lavoro è richiesto da clienti privato che gli affidano adattamenti e ristrutturazioni di case, loft, appartamenti o cottage…
 
CONTATTI
Maurice Padovani
27 bd christophe moncada
13015 Marseille , Francia
e-mail: mauricepadovani27@gmail.com
website: http://www.padovani.fr
T: +33611505059